Articoli

Protocollo diagnostico terapeutico per il mielomeningocele

Nel 1982 il gruppo di lavoro sul mielomeningocele, costituito da specialisti di varie discipline (neonatologi, pediatri, ginecologi, chirurghi pediatri, neurochirurghi, ortopedici, fisiatri e neuropsichiatri infantili) elaborarono un protocollo diagnostico terapeutico per il mielomeningocele, che si proponeva alcuni obiettivi prioritari.
In primo luogo l’integrazione e il coordinamento delle competenze tra i vari specialisti che seguivano il bambino nei primi anni di vita, e la sistematizzazione degli interventi diagnostico-terapeutici che rendevano possibile la verifica della efficacia dei diversi approcci terapeutici.
A distanza di quasi 20 anni dalla prima versione di questo protocollo si è posta l’esigenza di una revisione e di un aggiornamento.

Leggi Articolo

Il Terapista della Neuropsicomotricità e gli interventi specifici: la riabilitazione neuropsicologica e una protocollo di lavoro sulle Funzioni Esecutive

La neuropsicologia è la scienza che studia nell’uomo le alterazioni delle funzioni cognitive ed emotive causate da lesioni o disfunzioni focali e/o diffuse del sistema nervoso centrale, acquisite, congenite, geneticamente determinate e permette di definire in ambito clinico la presenza e la gravità dei deficit cognitivi dei pazienti affetti da lesioni o da disfunzioni cerebrali con finalità diagnostiche, prognostiche e riabilitative.
La neuropsicologia dell’età evolutiva è una disciplina relativamente giovane, nata dall’applicazione delle conoscenze sulle patologie acquisite dell’età adulta all’età evolutiva, affrontando e reinterpretando i risultati ottenuti alla luce di problematiche specifiche dello sviluppo cognitivo del bambino e delle sue modalità di apprendimento.

Leggi Articolo

Prevenzione delle cadute da incidente domestico negli anziani

Ogni anno si verificano in Italia fra i tre e i quattro milioni di incidenti domestici, che come è noto colpiscono prevalentemente gli anziani, con conseguenze rilevanti in termini di disabilità, ricoveri e mortalità. Tra gli incidenti domestici, le cadute rappresentano la voce più importante, al punto che si calcola che un terzo degli ultrasessantenni ne rimanga vittima, con costi umani, sociali e materiali straordinari. Più colpite, come ci si può immaginare, sono le persone sole o istituzionalizzate.

Leggi Articolo

Evidence based clinical guidelines for the physiotherapy management of adults with lower limb prostheses

Linee guida per la fisioterapia dell’adulto portatore di protesi di arto inferiore. Sono applicabili per tutti i livelli di amputazione, incluse le amputazioni bilaterali, e tutte le cause e patologie.

Leggi Articolo

La valutazione dell’efficacia del trattamento con Baclofen intratecale nei bambini affetti da paralisi cerebrale

La Paralisi Cerebrale Infantile è una patologia che determina difficoltà a diversi livelli. La lesione, impairment, causa la perdita irreversibile di una struttura o di una funzione cerebrale; tale perdita comporta la disabilità, disability, cioè l’incapacità parziale o totale a svolgere determinate funzioni; infine, la disabilità si può ripercuotere sull’esistenza del bambino in quanto può determinare delle difficoltà, handicap, nell’area della socialità.

Leggi Articolo

Mal di schiena – LG Regione Toscana

Il mal di schiena (MDS) acuto è rappresentato da dolore, con presenza o meno di limitazione funzionale, avvertito fra il margine inferiore dell’arcata costale e le pieghe glutee inferiori, con possibile irradiazione posteriore alla coscia ma non oltre il ginocchio (lombalgia). Può causare impossibilità di svolgere la normale attività quotidiana, con possibile assenza dal lavoro. Ha una durata inferiore a un mese, 4 settimane. Si parla di MDS subacuto quando la sintomatologia si protrae oltre il mese fino a 3 mesi.

Leggi Articolo

Diagnosi e cura dell’ictus – LG Regione Toscana

La definizione di ictus del Ministero della salute è: «l’ictus è una sindrome caratterizzata dall’improvviso e rapido sviluppo di sintomi e segni riferibili a deficit focale delle funzioni cerebrali senza altra causa apparente se non quella vascolare; la perdita della funzionalità cerebrale può essere globale (pazienti in coma profondo). I sintomi durano più di 24 ore o determinano il decesso».

Leggi Articolo

Ulcere da pressione: prevenzione e trattamento – LG Regione Toscana

L’ulcera da pressione è un’area localizzata di danno della cute e dei tessuti sottocutanei causata da forze di pressione, trazione, frizione, o da una combinazione di questi fattori, che si forma normalmente in corrispondenza di prominenze ossee e la cui gravità è classificata in stadi.
Molto frequenti nella popolazione ospite di strutture preposte alle cure sanitarie (ospedali, residenze sanitarie assistite e strutture per lungodegenti), così come tra le persone che ricevono cure a domicilio, le ulcere da pressione colpiscono individui di tutte le età comportando costi elevati sia in termini di sofferenza umana sia di impiego di risorse.

Leggi Articolo

Trattamento riabilitativo del paziente in età evolutiva affetto da deformità del rachide

La Società Italiana di Medicina Fisica e Riabilitazione (SIMFER), sulla base delle indicazioni del Ministero della Sanità, ha dato incaricato ad una Commissione di suoi Soci per la stesura di Linee Guida sul “Trattamento riabilitativo del paziente in età evolutiva affetto da deformità del rachide”.

Leggi Articolo