Samuele Passigli – Fisioterapista, OMT

 

clamIl rinforzo dei muscoli abduttori di anca è spesso inserito nel trattamento del low back pain, della sindrome femoro-rotulea, nella sindrome della bandelletta ileotibale e nell’instabilità cronica di caviglia. Nonostante numerosi studi abbiano indagato l’attivazione dei muscoli gluteo medio (GMed) e gluteo massimo (GMax), le informazioni sull’influenza degli esercizi per i muscoli abduttori di anca sul tensore della fascia lata (TFL) sono limitate. Il reclutamento del TFL come abduttore dominante di anca (eccessiva rotazione interna dell’arto inferiore nel cammino o nei pattern di movimento) può determinare atrofia e non uso del GMed. Di conseguenza, nella scelta degli esercizi il clinico dovrebbe considerare l’attivazione relativa dei muscoli dell’anca.
La “conchiglia” è un esercizio terapeutico comunemente utilizzato nelle prime fasi del rinforzo degli abduttori di anca. Durante l’esecuzione della conchiglia, l’attivazione del GMed e del GMax è maggiore con il bacino in posizione neutra. Inoltre, l’attivazione del GMed, indipendentemente dalla posizione del bacino, è maggiore se l’esercizio è eseguito con una flessione di anca di 60°. L’attivazione del TFL, inferiore rispetto al GMed e al GMax, non è influenzata dalla posizione del bacino o dalla flessione di anca. L’estensione e la rotazione esterna di anca ottimizzano quindi l’attivazione dei muscoli glutei limitando l’attività del TFL. Inoltre, l’esercizio della conchiglia eseguito contro resistenza riduce ulteriormente l’attivazione del TFL, se il bacino è stabilizzato correttamente.

 

Willcox EL, Burden AM. The influence of varying hip angle and pelvis position on muscle recruitment patterns of the hip abductor muscles during the clam exercise. J Orthop Sports Phys Ther. 2013;43(5):325-31.

 

Abstract
STUDY DESIGN:
Within-subject, repeated-measures design.
OBJECTIVES:
To determine the influence of pelvis position and hip angle on activation of the hip abductors while performing the clam exercise.
BACKGROUND:
Therapeutic exercises are regularly employed to strengthen the hip abductors to improve lower-limb and pelvis stability. While previous studies primarily have compared the activity of hip abductor muscles between various exercises, few studies have examined the influence of varying the techniques of particular exercises on the relative activation of hip abductor muscles. Such information could be used to facilitate appropriate exercise instruction.
METHODS:
Muscle activation in 17 healthy, asymptomatic volunteers during 6 variations of the clam exercise was analyzed with surface electromyography. Electromyographic signals were recorded from the gluteus maximus, gluteus medius, and tensor fasciae latae. Normalized data were examined using 2-way, repeated-measures analyses of variance.
RESULTS:
The magnitude of gluteus maximus and gluteus medius activation was significantly greater when the pelvis was in neutral rather than reclined. Furthermore, gluteus medius activation was greatest when the hip was flexed to 60°. Activation of the tensor fasciae latae was not influenced by pelvis position or hip angle.
CONCLUSION:
A neutral pelvis position is advocated to optimize recruitment of the gluteus maximus and gluteus medius during the clam exercise. Increasing the hip flexion angle increases activation of the gluteus medius. Tensor fasciae latae activity was relatively low and generally unaffected by variations of the clam exercise.
 

1 commento

Lascia un commento

Contribuisci a creare una discussione su questo argomento