Samuele Passigli – Fisioterapista, OMT

 

sindrome dolorosa femororotulea

 

Il rinforzo del quadricipite è una componente comune nella riabilitazione dei soggetti con dolore femororotuleo. Gli esercizi in carico sono più funzionali, mentre gli esercizi non in carico permettono di isolare il quadricipite. Nella pratica clinica è importante promuovere gli esercizi che ottimizzano il rinforzo muscolare del quadricipite minimizzando lo stress articolare femororotuleo (PFJS) e il dolore, soprattutto nelle fasi iniziali di riabilitazione dei soggetti con sindrome dolorosa femororotulea.
Obiettivo di questo studio è stato valutare in soggetti sani l’influenza sul PFJS di un esercizio in carico (squat) e di due esercizi non in carico (estensione di ginocchio con resistenza variabile, EXT-VR, e estensione di ginocchio con resistenza costante, EXT-CR).
I soggetti sono stati sottoposti ad un test biomeccanico per calcolare il momento estensorio del ginocchio durante gli esercizi, poichè questa variabile è considerata fondamentale per calcolare il PFJS. Il PFJS è stato calcolato a 0°, 15°, 30°, 45°, 60°, 75° e 90° di flessione di ginocchio
I risultati dello studio non hanno evidenziato differenze tra gli esercizi nel PFJS a 45°, mentre è stata evidenziata una differenza significativa negli altri angoli indagati. In particolare, a 0°, 15° e 30° di flessione di ginocchio il PFJS è stato significativamente maggiore per gli esercizi EXT-VR e EXT-CR rispetto allo squat. A 60° il PFJS è stato significativamente maggiore nell’esercizio EXT-CR e nello squat rispetto all’esercizio EXT-VR. A 75° e 90°, il PFJS è stato significativamente maggiore nello squat rispetto agli esercizi EXT-VR e EXT-CR.
I risultati di questo studio mostrano come il PFJS si modifichi in modo considerevole nei tre esercizi valutati. In sintesi, il PFJS durante lo squat è maggiore a 90° e si riduce con l’estensione di ginocchio. In contrasto, il PFJS durante l’esercizio EXT-VR è minore a 90° e aumenta con l’estensione di ginocchio, diventando massimo a 0°. Il PFJS durante l’esercizio EXT-CR è relativamente costante durante l’escursione di movimento, con il picco massimo a 0°.
Per quanto riguarda il PFJS durante lo squat e l’esercizio EXT-VR, i risultati di questo studio sono simili a quelli di Steinkamp del 1993, mentre per il PFJS durante l’esercizio EXT-CR sono simili a quelli di Escamilla del 1998.
Per rinforzare il quadricipite in un arco di movimento di 90° minimizzando il PFJS, potrebbe quindi essere utilizzata una combinazione di esercizi in carico e esercizi non in carico, ad esempio uno squat da 0° a 45° di flessione di ginocchio e un esercizio EXT-VR da 90° a 45°.
 

Powers CM, Ho KY, Chen YJ, Souza RB, Farrokhi S. Patellofemoral Joint Stress During Weight Bearing and Non-Weight Bearing Quadriceps Exercises. J Orthop Sports Phys Ther. 2014 Mar 27. [Epub ahead of print]
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24673446

 

2 commenti

  • domenico Reply

    ciao potresti fare qualche esempio di ex non in carico? grazie

Lascia un commento

Contribuisci a creare una discussione su questo argomento