Relazione tra l’attività dei muscoli superficiali durante il Cranio-Cervical Flexion Test e le caratteristiche cliniche nei pazienti con neck pain cronico

Il neck pain meccanico cronico (CMNP) è un disordine non specifico, in genere aggravato dai movimenti del rachide cervicale e dalle attività, con un decorso caratterizzato da periodi di remissione ed esacerbazione.

È stato ipotizzato che l’irritazione meccanica delle strutture cervicali, un’alterazione del controllo neuromuscolare e la fatica muscolare siano responsabili della persistenza del CMPN. Un aspetto dell’alterazione del controllo neuromuscolare caratteristica del CMNP è un aumento dell’attività dei muscoli cervicali flessori superficiali, ovvero dei muscoli sternocleidomastoideo e scaleno anteriore, evidenziato in studi con l’utilizzo del Cranio-Cervical Flexion Test (CCFT).

L’obiettivo di questo studio è stato valutare la relazione tra dolore/disabilità/durata dei sintomi e l’attivazione bilaterale dei muscoli sternocleidomastoideo e scaleno anteriore durante il CCFT nei pazienti con CMPN.

I risultati evidenziano che, nei pazienti con CMNP, esiste una relazione significativa tra l’aumento del livello dell’attività dei muscoli cervicali flessori superficiali e l’intensità del dolore durante l’esecuzione del CCFT, ma non con la durata dei sintomi e la disabilità.

I risultati di questo studio devono essere interpretati con cautela, in quanto il dolore non rappresenta l’unico fattore che può alterare il controllo neuromuscolare del rachide cervicale. Ciononostante, questi risultati confermano l’importanza della valutazione clinica del controllo neuromuscolare e di minimizzare l’attività dei muscoli sternocleidomastoideo e scaleno anteriore durante l’esecuzione gli esercizi terapeutici.

O’Leary S, Falla D, Jull G. The relationship between superficial muscle activity during the cranio-cervical flexion test and clinical features in patients with chronic neck pain. Man Ther. 2011 Oct;16(5):452-5.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21396876

Lascia un commento

Se hai osservazioni, suggerimenti o link a studi scientifici sull'argomento, condividili con noi!