Samuele Passigli – Fisioterapista

 

2

 
Ogni anno negli USA sono eseguite più di 125000 ricostruzioni chirurgiche del legamento crociato anteriore (LCA), soprattutto nella popolazione attiva. Il razionale di questo intervento comprende il facilitare la ripresa delle attività sportive e ridurre il rischio di artrosi post-traumatica del ginocchio. Comunque, molti soggetti dopo la ricostruzione del LCA interrompono le attività sportive, sviluppano un’artrosi precoce, presentano la paura di un nuovo infortunio o hanno una scarsa qualità della vita (Quality Of Life, QOL). Questo presupposto sottolinea la necessità di indagare gli outcome a lungo termine dopo una gestione non chirurgica della lesione del LCA.
L’obiettivo primario di questa meta-analisi è stato riportare gli outcome relazionati alla QOL in soggetti con lesione del LCA a distanza di 5-25 anni dall’infortunio. Obiettivi secondari sono stati: 1) confrontare la QOL tra soggetti con lesione del LCA e soggetti sani; 2) confrontare la QOL tra soggetti con lesione del LCA e soggetti con ricostruzione del LCA; 3) indagare le relazioni tra le caratteristiche dei partecipanti e la QOL nei soggetti con lesione del LCA.
La QOL relazionata al ginocchio è in genere valutata utilizzando questionari come il Knee injury and Osteoarthritis Outcome Score (KOOS) o il Anterior Cruciate Ligament Quality of Life questionnaire (ACL-QOL), o con questionari non patologia specifici, come la Short-Form 36 (SF-36).
Sono stati inclusi 11 studi, con la QOL riportata per 473 soggetti con lesione del LCA a un tempo medio di 10 anni (range di 5-25 anni).
La revisione ha mostrato che la QOL relazionata al ginocchio è ridotta dopo 5-25 anni dopo la lesione del LCA nei soggetti non sottoposti a intervento chirurgico, se confrontati con la popolazione sana. Non esistono invece differenze tra chi ha effettuato la ricostruzione del LCA e chi ha optato per una gestione conservativa. Di contro, la QOL relazionata allo stato di salute nei soggetti con lesione del LCA è simile alla popolazione sana, ma ridotta se confrontata con una popolazione sana più attiva. Non sono state evidenziate differenze nella QOL relazionata allo stato di salute tra i soggetti con lesione del LCA e i soggetti sottoposti a ricostruzione del LCA in 7 degli 8 domini della SF-36.
Questi risultati indicano che le limitazioni nel lungo termine nella QOL sono evidenti dopo una lesione del LCA, indipendentemente dalla gestione chirurgica o conservativa. Sono quindi necessarie strategie per migliorare la QOL nel lungo termine dopo una lesione del LCA.
 

Filbay SR, Culvenor AG, Ackerman IN, Russell TG, Crossley KM. Quality of life in anterior cruciate ligament-deficient individuals: a systematic review and meta-analysis. Br J Sports Med. 2015 Aug;49(16):1033-41.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26224582

 

Lascia un commento

Contribuisci a creare una discussione su questo argomento