Emanuele Tortoli – Fisioterapista, SPT

 

SMT
 
L’utilizzo della terapia manipolativa spinale (SMT) nella gestione del low back pain e di altri disturbi del rachide lombare e del bacino è aumentata negli ultimi 20 anni e il suo impiego è raccomandato da numerose linee guida. Gli studi prospettici sui danni della SMT hanno principalmente riportato eventi avversi autolimitanti, classificati da lievi a moderati, come dolore muscolare, discomfort locale, mal di testa, senza osservare gravi eventi avversi. La letteratura primaria sugli eventi avversi gravi è scarsa.
L’obiettivo di questa revisione (che ha incluso 41 studi comprendenti 77 casi) è stato ricercare in letteratura i casi di eventi avversi gravi in seguito a SMT. Sono definiti eventi avversi gravi gli eventi negativi che provocano la morte o che sono pericolosi per la vita, necessitano di ricovero ospedaliero o portano ad una disabilità permanente o significativa. Esempi di eventi avversi gravi sono la sindrome della cauda equina, l’erniazione del disco, le fratture, le lussazioni e gli ematomi midollari.
Gli eventi avversi gravi più frequentemente riportati sono stati segni e sintomi di sindrome della cauda equina (29 casi) e di erniazione del disco lombare (23 casi), anche se informazioni importanti come la descrizione della SMT, la condizione clinica del paziente prima della SMT e i dettagli degli eventi avversi sono state scarse. Inoltre, due terzi dei casi riportati hanno avuto un outcome favorevole.
Le evidenze recenti supportano l’efficacia clinica della SMT nei pazienti con low back pain aspecifico e evidenze preliminari suggeriscono che potrebbero beneficiare della SMT anche i pazienti con ernia del disco (con un’efficacia superiore allo sham e simile alla microdiscectomia). Contrariamente, è improbabile che i pazienti con sindrome della cauda equina possano beneficiare della SMT; perciò il clinico deve essere attento nel selezionare i pazienti.
Alcuni autori hanno evidenziato un rischio di eventi avversi simile della terapia manuale se confrontata con l’esercizio e un rischio inferiore se confrontata con l’utilizzo di farmaci anti-infiammatori.
Un limite importante è indubbiamente rappresentato dalla presenza di molti metodi differenti di SMT; questa eterogeneità complica la definizione di un profilo di sicurezza.
Ulteriori ricerche di alta qualità sono necessarie per valutare con più precisione l’incidenza di eventi avversi gravi e per chiarire il rapporto tra la SMT e le tipologie di eventi avversi riportati in questa revisione.
 

Hebert JJ, Stomski NJ, French SD, Rubinstein SM. Serious Adverse Events and Spinal Manipulative Therapy of the Low Back Region: A Systematic Review of Cases. J Manipulative Physiol Ther. 2013 Jun 17
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23787298

 

Lascia un commento

Contribuisci a creare una discussione su questo argomento