Linee guida per la gestione delle lesioni meniscali del ginocchio

Le patologie meniscali sono molto frequenti e la prevalenza è associata con l’aumentare dell’età e l’insorgenza di artrosi di ginocchio. Le lesioni meniscali sono associate con numerosi segni e sintomi, ma possono essere anche asintomatiche ed essere diagnosticate casualmente con le indagini strumentali nei pazienti con dolore e artrosi di ginocchio. Quando una lesione meniscale è considerata causa dei sintomi, può essere raccomandata la chirurgia per rimuovere parzialmente o riparare il tessuto meniscale instabile.

L’obiettivo di questo studio della British Association for Surgery of the Knee (BASK) Meniscal Working Group (25 chirurghi ortopedici) è stato sviluppare un consensus nazionale su come classificare e gestire i pazienti con patologia meniscale, compreso stabilire le caratteristiche cliniche per determinare quali pazienti candidare alla chirurgia e quali alle opzioni di trattamento non chirurgiche ed evitare una chirurgia non necessaria.

Flowchart delle linee guida per la gestione delle lesioni meniscali del British Association for Surgery of the Knee

Una lesione meniscale è definita come un difetto o un danno nel complesso meniscocapsulare che può verificarsi in un menisco degenerato o non degenerato. Una degenerazione meniscale è definita come una degradazione progressiva del tessuto meniscale e può essere evidenziata da un aumento del segnale intra-meniscale alla MRI.
Le lesioni meniscali sono classificate sulla base dell’aspetto alla MRI in target, probabile target o non target. Le lesioni definite target rappresentano le lesioni per le quali la chirurgia può essere indicata. È necessaria molta attenzione nell’interpretazione della MRI statica, data la potenzialità di uno spostamento del frammento lesionato con il movimento.
Solamente un’artrosi avanzata è considerata una controindicazione importante alla chirurgia artroscopica. Di conseguenza, le raccomandazioni per i pazienti con artrosi lieve o moderata sono identiche e basate sul tipo di lesione, segni e sintomi, durata dei sintomi e trattamenti precedenti.

Le presentazioni cliniche definite sono 5: 1) ginocchio bloccato (in molti casi questi pazienti hanno una conferma alla MRI di un frammento di menisco staccato), 2) infortunio acuto con una lesione meniscale target, 3) lesione meniscale target con segni e sintomi corrispondenti, 4) probabile lesione meniscale target con segni e sintomi corrispondenti e 5) artrosi avanzata.

Le strategie di trattamento per le lesioni meniscali sono 4: 1) chirurgia artroscopica meniscale urgente, 2) valutazione di una riparazione meniscale (con l’obiettivo di preservare il menisco in presenza di una lesione target dopo un infortunio acuto, considerando il potenziale di guarigione sulla base delle caratteristiche anatomiche, biomeccaniche e biologiche), 3) valutazione di una meniscectomia artroscopica non urgente e 4) gestione non chirurgica e rivalutazione. I pazienti con artrosi avanzata sono inclusi in una quinta categoria dove non è raccomandata la chirurgia artroscopica, ma una valutazione di altre patologie che necessitano di strategie di trattamento differenti (trattamento conservativo, osteotomia o protesi di ginocchio).

Nella maggior parte dei pazienti, dovrebbero passare almeno 3 mesi dall’insorgenza dei sintomi prima di considerare la chirurgia artroscopica. Le strategie di trattamento in questi 3 mesi dovrebbero essere educazione del paziente, fisioterapia e, in alcuni casi, infiltrazioni. Solo i pazienti con sintomi e segni “meniscali” o “probabilmente meniscali” devono essere considerati idonei per la chirurgia artroscopica. In alcuni pazienti può essere indicata una chirurgia precoce. Devono comunque sempre essere valutate anche le preferenze del paziente.

Abram SGF, Beard DJ, Price AJ; BASK Meniscal Working Group. Arthroscopic meniscal surgery: a national society treatment guideline and consensus statement. Bone Joint J. 2019 Jun;101-B(6):652-659.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31154847/

Lascia un commento

Se hai osservazioni, suggerimenti o link a studi scientifici sull'argomento, condividili con noi!