Le regole di Ottawa e di Pittsburgh riducono le radiografie non necessarie dopo un trauma al ginocchio?

Samuele Passigli – Fisioterapista, OMT

 

1

 

Circa il 92% dei pazienti sono sottoposti ad esame radiografico dopo un trauma al ginocchio, ma solamente il 6% ha una frattura. Nonostante la capacità di identificare clinicamente l’assenza di una frattura, le radiografie sono comunemente richieste. Migliorare l’efficacia nel richiedere le radiografie determinerebbe un risparmio di tempo e risorse.
Le regole di Ottawa e di Pittsburgh sono state elaborate per ridurre il numero di radiografie non necessarie e la loro efficacia è stata validata in numerosi studi.
Secondo le regole di Pittsburgh, le radiografie sono necessarie se il paziente riferisce un trauma contusivo o una caduta e uno dei seguenti elementi: età inferiore ai 12 anni o superiore ai 50 anni, incapacità di caricare sull’arto per 4 passi. Queste regole hanno una sensibilità del 100% e una specificità dell’80%; applicando queste regole in presenza di un sospetto di frattura al ginocchio, il numero delle radiografie non necessarie può essere ridotto del 78%.
Le regole di Ottawa sono composte da 5 indicatori clinici. Le radiografia sono necessarie se sono presenti uno o più dei seguenti elementi: età maggiore o uguale di 55 anni, dolore alla palpazione della testa del perone, dolore alla palpazione della rotula, flessione di ginocchio limitata a 90°, incapacità di caricare sull’arto per 4 passi. Queste regole hanno una sensibilità del 100% e una specificità del 49%; applicando queste regole, il numero delle radiografie non necessarie è ridotto del 28%.
Le regole di Pittsburgh sono più specifiche ma con la stessa sensibilità se confrontate con le regole di Ottawa. Le regole di Pittsburgh sono inoltre più sensibili nella popolazione pediatrica.
 

Konan S, Zang TT, Tamimi N, Haddad FS. Can the Ottawa and Pittsburgh rules reduce requests for radiography in patients referred to acute knee clinics? Ann R Coll Surg Engl. 2013 Apr;95(3):188-91.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23827289/

 

 

Lascia un commento

Contribuisci a creare una discussione su questo argomento