Samuele Passigli, Fisioterapista – OMT

Kinesio TapeI soggetti fisicamente attivi, a livello amatoriale o professionale, sono costantemente alla ricerca di strategie per migliorare la performance muscolare. In questo contesto, un chiropratico giapponese, Kenso Kase, ha sviluppato il Kinesio Taping (KT), un bendaggio elastico con caratteristiche particolari, da applicare sopra o attorno ad un muscolo per fornire un supporto funzionale.
I meccanismi di azione del KT non sono ancora stati chiaramente compresi. Alcuni autori ipotizzano che l’applicazione del KT potrebbe aumentare la stimolazione dei meccanocettori cutanei, con una conseguente riduzione del dolore attraverso il gate control. Altri autori ipotizzano che il KT possa determinare un aumento dell’attività muscolare mediante una neurofacilitazione, ma questi studi sono scarsi, di bassa qualità metodologica e controversi.
I risultati del presente studio non hanno evidenziato differenze significative dell’attività elettromiografica del muscolo vasto laterale nei tre gruppi (gruppo KT, gruppo tape adesivo non elastico, gruppo di controllo), indicando che la stimolazione cutanea del KT non è sufficiente a modificare il reclutamento di questo muscolo.
In relazione alla funzione dell’arto inferiore, gli autori non hanno osservato differenze significative nella distanza nel single hop test e nel triple hop test (considerati da molti autori test di valutazione della forza e della stabilità funzionale); non sono inoltre state evidenziate differenze nei test di equilibrio in appoggio monopodalico effettuati con la baropodometria computerizzata (Eclipse 3000).
I risultati indicano che l’applicazione del KT sul muscolo quadricipite femorale non determina modificazioni significative della forza (valutata tramite dinamometro isocinetico Biodex Multi-Joint System 3).
I risultati di questo studio indicano che l’applicazione del KT sul quadricipite femorale non modifica la funzione dell’arto inferiore, l’equilibrio in appoggio monopodalico, la forza e l’attività elettromiografica muscolare. Anche l’applicazione del tape adesivo non elastico sopra la stessa area cutanea non ha modificato significativamente le variabili. E’ importante ricordare che i risultati presentati sono limitati asoggetti attivi sani che svolgono attività fisica ricreativa. Ulteriori studi devono essere svolti per valutare gli effetti del KT in pazienti con patologie acute o croniche in un programma di riabilitazione.

Lins CA, Neto FL, Amorim AB, Macedo Lde B, Brasileiro JS. Kinesio Taping(®) does not alter neuromuscular performance of femoral quadriceps or lower limb function in healthy subjects: Randomized, blind, controlled, clinical trial. Man Ther. 2013 Feb;18(1):41-5. doi: 10.1016/j.math.2012.06.009. Epub 2012 Jul 15. PubMed PMID: 22796389.

Abstract
The aim of this study was to analyze the immediate effects of applying Kinesio Taping(®) (KT) on the neuromuscular performance of femoral quadriceps, postural balance and lower limb function in healthy subjects. This is a randomized, blind, controlled, clinical trial, where sixty female volunteers (age: 23.3 ± 2.5 years; BMI: 22.2 ± 2.1 kg/m(2)) were randomly assigned to three groups of 20 subjects each: control (10 min at rest); nonelastic adhesive tape (application over the rectus femoris, vastus lateralis and vastus medialis muscles); and KT (KT application over the same muscles). All individuals were assessed for single and triple hops, postural balance (by baropodometry), peak concentric and eccentric torque and electromyographic activity of vastus lateralis, before and after interventions. No significant differences in electromyographic activity of the VL or concentric and eccentric knee peak torque were recorded, between groups and initial and final assessment in any of the three groups. We also observed no significant alteration in single and triple-hop distance and one-footed static balance between the three groups. Application of KT to RF, VL and VM muscles did not significantly change lower limb function, postural balance, knee extensor peak torque or electromyographic activity of VL muscle in healthy women.

Lascia un commento

Contribuisci a creare una discussione su questo argomento