Effetti immediati dello IASTM nell’adduzione orizzontale e nella rotazione interna gleno-omerale

Samuele Passigli – Fisioterapista, OMT

 

graston

 

I giocatori di baseball sviluppano un aumento dell’escursione di movimento (ROM) in rotazione esterna, una riduzione del ROM in rotazione interna e una riduzione del ROM in adduzione orizzontale. Questo cambiamento può essere il risultato di adattamenti ossei e dei tessuti molli della spalla. Per gli infortuni frequenti e la rigidità posteriore di spalla associata, molti studi hanno indagato gli effetti delle varie tecniche di stretching per migliorare il ROM in adduzione orizzontale e rotazione interna gleno-omerale.
La Graston® Technique (GT) è una forma di mobilizzazione assistita da uno strumento dei tessuti molli (IASTM) che utilizza strumenti metallici per individuare e trattare le restrizioni, le aderenze e le fibrosità in modo più profondo rispetto alle mani. Il trattamento con GT è basato sul razionale del massaggio trasverso profondo proposto da Cyriax. E’ stato ipotizzato che lo IASTM produca un micro-trauma localizzato, producendo un’emorragia dei capillari che potrebbe stimolare i processi di guarigione e i sistemi di riparazione.
L’obiettivo di questo studio è stato determinare l’efficacia dello IASTM nel migliorare il ROM passivo gleno-omerale in rotazione interna e in adduzione orizzontale in giocatori di baseball.
35 partecipanti sono stati randomizzati in due gruppi. Un gruppo ha ricevuto il trattamento IASTM (GT) con 6 strumenti di acciaio di varie forme e dimensioni (la differenza degli strumenti permette di trattare differenti strutture anatomiche a varie intensità); l’altro gruppo non ha ricevuto alcun trattamento (gruppo di controllo). Il ROM passivo gleno-omerale in rotazione interna e in adduzione orizzontale è stato misurato con un inclinometro digitale.
Il trattamenti IASTM è stato eseguito con i partecipanti in posizione prona, con l’arto dominante abdotto a 90° in rotazione neutra e gomito flesso a 90°. E’ stata utilizzata una crema per permettere agli strumenti di scivolare sulla cute senza provocare irritazioni. Sono stati trattati i muscoli deltoide posteriore, gran dorsale, piccolo e grande romboide e infraspinato).
I risultati dello studio hanno mostrato un miglioramento significativo di circa 11° per l’adduzione orizzontale e di circa 5° nella rotazione interna nel gruppo IASTM rispetto al gruppo di controllo.
Questo studio dimostra che un’applicazione di IASTM alla regione posteriore della spalla determina un miglioramento immediato del ROM nella spalla dominante in giocatori di baseball.
 

Laudner K, Compton BD, McLoda TA, Walters CM. Acute effects of instrument assisted soft tissue mobilization for improving posterior shoulder range of motion in collegiate baseball players. Int J Sports Phys Ther. 2014 Feb;9(1):1-7.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24567849/

 


 

  • Samuele Passigli Reply

    Studio recente sugli effetti dello IASTM sui muscoli flessori plantari:

    Vardiman JP, Siedlik J, Herda T, Hawkins W, Cooper M, Graham ZA, Deckert J, Gallagher P. Instrument-assisted Soft Tissue Mobilization: Effects on the Properties of Human Plantar Flexors. Int J Sports Med. 2015 Mar;36(3):197-203.

    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25347141

    Abstract
    The effect of instrument-assisted soft tissue mobilization (ISTM) on passive properties and inflammation in human skeletal muscle has not been evaluated. Passive properties of muscle, inflammatory myokines and subjective reporting of functional ability were used to identify the effects of ISTM on the plantar flexors. 11 healthy men were measured for passive musculotendinous stiffness (MTS), passive range of motion (PROM), passive resistive torque (PASTQ) and maximum voluntary contraction peak torque (MVCPT) for plantar flexor muscles of the lower leg. Interleukin-6 (IL-6) and tumor necrosis factor-alpha (TNF-?) were measured from muscle biopsies from the gastrocnemius, and subjective measurements of functional ability were taken using the perception of functional ability questionnaire (PFAQ). MTS, PROM, PRT and MVCPT were measured in the treatment leg (TL) and control leg (CL) before, immediately after, 24?h, 48?h and 72?h following IASTM. Biopsies for IL-6 and TNF-? and PFAQ responses were collected before as well as 24?h, 48?h and 72?h after IASTM. There were no significant differences in MTS, PROM, PASTQ, MVCPT, IL-6 and TNF-? between the TL or CL. A significant decrease in the perception of function and a significant increase in pain for the TL were found following IASTM.

Lascia un commento

Contribuisci a creare una discussione su questo argomento