Emanuele Tortoli – Fisioterapista, MSc, SPT, DO

 

tennis

 
Nel tennis la spalla è sottoposta a carichi unilaterali e ripetitivi che possono indurre a cambiamenti sport-specifici dell’articolazione. L’estrema rotazione esterna associata all’elevazione del braccio alla fine della fase di caricamento durante il servizio porta a contatti ripetuti tra il trochite e la porzione postero superiore della cavità glenoidea. Un errato posizionamento della scapola sul torace può aumentare l’area e/o l’intensità di questo contatto causando impingement postero-superiori o superiori.
L’obiettivo dello studio è stato valutare la cinematica della scapola durante l’elevazione sul piano scapolare prima e dopo un anno di allenamento.
Sono state selezionate 9 giovani ragazze giocatrici di tennis di alto livello. La cinematica scapolare è stata valutata due volte a intervalli di un anno attraverso un dispositivo elettromagnetico a sensori.
I risultati dello studio hanno mostrato differenti alterazioni tra le due scapole nei movimenti di rotazione interna, tilt anteriore e posteriore, elevazione e retrazione. E’ stata evidenziata una riduzione del movimento in rotazione interna ed elevazione della scapola dominante, aspetto che potrebbe favorire il posizionamento in tilt posteriore e retrazione per elevazioni del braccio fino a 90°. Questo aspetto potrebbe essere un adattamento per limitare l’impingement interno quando l’omero si trova in rotazione esterna massima durante la fase di caricamento della battuta, correlato al miglioramento della stabilità scapolare durante l’elevazione del braccio. Non è stato osservato nessun cambiamento per la rotazione interna tra i 90° e i 120° di elevazione di entrambe le scapole e per l’elevazione della scapola non dominante tra i 30°-60° e i 90°-120° di elevazione del braccio.
 

Gillet B, Berger-Vachon C, Rogowski I. Scapulothoracic kinematics during scaption after one year of tennis practice in elite girl players. Comput Methods Biomech Biomed Engin. 2015 Aug 14:1-2.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26274056

 

Lascia un commento

Contribuisci a creare una discussione su questo argomento