Samuele Passigli – Fisioterapista, OMT

 

1
Gli studi sulla sindrome dolorosa femororotulea (PFPS) nei runner sono in aumento. In particolare, l’obiettivo di molti studi è stato valutare l’associazione tra la biomeccanica della corsa e la patogenesi del disturbo.
Il British Journal of Sports Medicine ha recentemente pubblicato il seguente articolo:
 

Bonacci J, Vicenzino B, Spratford W, Collins P. Take your shoes off to reduce patellofemoral joint stress during running. Br J Sports Med. 2013 Jul 13.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23850795

 

I risultati dello studio hanno evidenziato uno stress articolare femororotuleo significativamente minore nei runner a piedi scalzi rispetto alla corsa con le scarpe. Il meccanismo è probabilmente conseguente a una riduzione della forza di reazione articolare femororotulea per una minore flessione di ginocchio durante la fase di appoggio, con una diminuzione dell’attività del quadricipite.
I risultati sono coerenti con studi precedenti (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23748735) che hanno evidenziato che i runner che corrono abitualmente scalzi hanno un appoggio di avampiede (forefoot striking).
Questi risultati potrebbero assistere il decision making nei runner con PFPS, anche se sono presenti alcune limitazioni importanti:
1 – i soggetti inclusi nello studio erano sani; di conseguenza gli stessi effetti potrebbero non essere presenti nei soggetti sintomatici;
2 – i soggetti non erano abituati alla corsa a piedi scalzi; una corsa quindi probabilmente più cauta potrebbe essere la causa della riduzione dello stress articolare femororotuleo.
Inoltre, è possibile ipotizzare che il carico ridotto a livello femororotuleo aumenti in altre articolazioni, ad esempio nella caviglia e nel tendine di Achille.
Naturalmente sono necessari ulteriori studi per capire quanto implementare questi risultati nella pratica clinica.

In base alle informazioni presenti in letteratura e/o in relazione alla vostra esperienza, quali vantaggi/svantaggi possono derivare dalla corsa a piedi scalzi?
 

 

 

 

 

Lascia un commento

Contribuisci a creare una discussione su questo argomento