Emanuele Tortoli – Fisioterapista, SPT

scapular assistance testQuali sono le applicazioni pratiche che la valutazione clinica deve considerare negli atleti overhead? Sono molti gli studi che affermano che la discinesia scapolare alteri il movimento e la posizione della scapola (Kibler et al. 2010, 2013). Frequentemente troviamo questa condizione in atleti che presentano una problematica alla spalla, ma anche in individui asintomatici. La discinesia della scapola deve essere valutata e trattata all’interno di un normale programma di riabilitazione per non andare incontro a un peggioramento della sintomatologia dolorosa o influenzare negativamente il risultato del trattamento.
Come si valuta la discinesia della scapola?
Step 1 – Osservazione: eseguire il dynamic scapular dyskinesis test (Kibler et al. 2013; Uhl et al. 2009). Il paziente con un peso di 1 kg su entrambe le mani deve eseguire prima un movimento di flessione e poi di abduzione con entrambe le braccia. Il clinico osserva se ci sono dei movimenti di winging scapolare, prominenze del bordo mediale o inferiore della scapola o mancanza di coordinazione dei movimenti (la scapola inizia a muoversi troppo presto in elevazione o troppo velocemente rispetto alla controlaterale quando il braccio viene riportato in posizione neutra). Ogni anomalia viene annotata con un “si” (discinesia presente) o con un “no”.
Step 2 – Correzione manuale: utile per valutare se l’intervento manuale modifica il movimento o influenza i sintomi. Sono raccomandati 2 test, lo scapular assistance test e lo scapular repositioning test. Il primo consiste nel favorire la rotazione verso l’alto durante il movimento di elevazione (spingere l’angolo inferiore della scapola lateralmente e verso l’alto mentre si stabilizza l’angolo superiore); il test è positivo quando la manovra riduce i sintomi del paziente. Il secondo test consiste nello stabilizzare il bordo mediale della scapola mantenendola in una posizione di retrazione. Il test è positivo se riduce la sintomatologia dolorosa o se durante il test isometrico c’è un aumento della forza nell’elevazione del braccio.
Step 3 – Valutazione delle strutture adiacenti: se la discinesia non è causata da un trauma potrebbe essere direttamente correlata a problematiche dell’articolazione acromion-claveare, della cuffia dei rotatori, del cercine glenoideo o del muscolo bicipite.
Una valutazione dettagliata permette di impostare un piano di trattamento per migliorare la forza muscolare, modificare la posizione della scapola e ridurre il dolore.

Pluim BM. Scapular dyskinesis: practical applications. Br J Sports Med. 2013 Sep;47(14):875-6. doi: 10.1136/bjsports-2013-092722. PubMed PMID: 23973880.

Lascia un commento

Contribuisci a creare una discussione su questo argomento