Emanuele Tortoli – Fisioterapista, SPT, DO

 

1

 

Gli infortuni nel tennis avvengono prevalentemente a carico del rachide lombare e dell’arto superiore. Il servizio rappresenta il gesto atletico specifico più dannoso in quanto eseguito con l’arto superiore sopra la testa con sollecitazioni a livello sia del rachide sia di tutto l’arto superiore.
L’obiettivo dello studio è stato analizzare e confrontare la cinetica e la cinematica del rachide lombare, della spalla, del gomito e del polso nei tre differenti tipi di servizio (piatto, slice e in kick). Gli atleti, a cui sono stati piazzati dei marker e ripresi da otto fotocamere, dovevano eseguire tutti e tre i tipi di servizio. Terminate le riprese, i dati ottenuti sono stati analizzati in digitale tramite software appositi. Era richiesto ai giocatori di servire come se fosse stata la prima palla di servizio di un match e il colpo era considerato valido per l’analisi solo se la palla finiva in un target di 1 m2.
I risultati ottenuti non hanno evidenziato una differenza statisticamente rilevante nel grado di estensione e rotazione del rachide lombare e nella rotazione esterna della spalla tra i tre tipi di servizio. La velocità angolare maggiore della spalla in rotazione interna avveniva durante il servizio piatto. Il movimento di rotazione interna è responsabile del 50% della velocità della racchetta; da un punto di vista clinico durante questo movimento avremo uno stress maggiore a livello del sottoscapolare, del grande e piccolo pettorale.
I dati indicano che il servizio piatto e in kick sono molto stressanti per il rachide e l’arto superiore. Alcuni dati estrapolati singolarmente possono essere utili nella prevenzione degli infortuni e nel ritorno all’attività sportiva. Lo stress maggiore a livello della spalla e del rachide del servizio in kick permette di suggerire che questo debba essere introdotto per ultimo durante un rientro all’attività agonistica. Il servizio in slice è il più indicato in fase iniziale, al rientro dopo un infortunio, in quanto considerato il più “fisiologico” dei tre.
 

Abrams GD, Harris AH, Andriacchi TP, Safran MR. Biomechanical analysis of three tennis serve types using a markerless system. Br J Sports Med. 2014 Feb;48(4):339-42.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22936411

 

Lascia un commento

Contribuisci a creare una discussione su questo argomento