Firas Mourad
PT, OMT, CSMT, PGCert Sport & Exercise Medicine

glideIl neck pain meccanico è una dei maggiori motivi per cui i pazienti richiedono una visita da uno specialista, con un’incidenza del 18% nelle donne e del 13.2% negli uomini (Guez M 2002). Frequentemente nella pratica clinica quotidiana la valutazione manuale dei movimenti accessori intervertebrali è fondamentale per identificare dove trattare tramite una tecnica di manipolazione HVLA thust. È stato dimostrato che la valutazione radiografica è una misurazione valida, ripetibile e oggettiva per identificare la disfunzione vertebrale (Patijin J 2004). Altri studi, in precedenza, hanno ricercato la validità dei test clinici manuali (Jull G 1988, Maitland G 2001, De Las Penas 2005).
L’obiettivo di questo studio è stato determinare la validità del gliding test postero-anteriore (PA) rivolto al rachide cervicale medio (C3-4, C4-5, C5-6), comparandolo con una radiografia dinamica (Swallow RA 1986, Insko EK 2002, Penning 1960). È stato considerato il grado di movimento intersegmentale quale l’angolo risultante dall’inserzione tra le 2 linee tracciate da 2 vertebre adiacenti. I pazienti con ipomobilità alla valutazione manuale hanno effettivamente evidenziato minor mobilità anche radiograficamente (C3-4 17,6° vs 12,4°; C4-5 19,4° vs 14,5°; C5-6 21,° vs 15,0°). Questo studio dimostra che il gliding test PA sul rachide cervicale medio è accurato quanto una radiografia dinamica nell’identificare un’ipomobilità intervertebrale. In particolare i livelli C3-4 e C4-5 hanno dimostrato una buona specificità (>70%) e sensibilità (>80%) mentre il livello C5-6 ha dimostrato alta sensibilità (100%) ma bassa specificità (41%). È stato rilevato, inoltre, un maggior numero di disfunzioni a livello C3-4 e C4-5 rispetto a C5-6. Tuttavia l’affidabilità inter ed extra esaminatore dovrà essere investigata alla luce del fatto che diverse revisioni sistematiche (Fjellner A 1999, Poll JJ 2004) hanno concluso che l’affidabilità della valutazione manuale del rachide cervicale è bassa. La capacità di valutare il movimento PA è una ‘task’ complessa ed è influenzata da una moltitudine di variabili. La capacità di discriminare tali variabili è strettamente connessa all’esperienza e formazione dell’operatore. Poiché esistono una moltitudine di metodiche individuali nella valutazione della mobilità accessoria intersegmentale si rende necessario standardizzare la strategia di valutazione.
Rey-Eiriz G, Alburquerque-Sendín F, Barrera-Mellado I, Martín-Vallejo FJ, Fernández-de-las-Peñas C. Validity of the posterior-anterior middle cervical spine gliding test for the examination of intervertebral joint hypomobility in mechanical neck pain. J Manipulative Physiol Ther. 2010 May;33(4):279-85.
Abstract
OBJECTIVE: The purpose of this study was to determine if the posterior-anterior cervical gliding test is a valid test as compared with dynamic radiographic assessment in flexion/extension as tool for the manual diagnosis of intervertebral joint hypomobility in the midcervical spine in patients with mechanical neck pain.
METHODS: The study was done according to Standards for Reporting of Diagnostic Accuracy guidelines. Fifty patients with mechanical neck pain participated. An examiner performed a posterior-anterior cervical spine gliding to determine the presence of joint hypomobility over the C3-C4, C4-C5, and C5-C6 levels. Two dynamic radiographs in flexion/extension of the neck were obtained from each patient. The angle resulting from the intersection of 2 lines traced between 2 consecutive vertebrae was considered the degree of intersegmental motion of flexion-extension between those vertebrae. Intersegmental motion showing radiographic data below mean – SD from normative data was considered to reflect hypomobility. Differences between hypomobile and not hypomobile segments were assessed with the 2-tailed unpaired Student t test. Sensitivity, specificity, positive predictive value, and negative predictive value were also obtained.
RESULTS: At all cervical segments, those patients diagnosed with hypomobility showed significantly (P < .001) lower radiographic motion (C3-C4: 12.4 degrees +/- 2.7 degrees, C4-C5: 14.5 degrees +/- 2.6 degrees, C5-C6: 15.0 degrees +/- 4.8 degrees) compared with those patients not diagnosed with hypomobility (C3-C4: 17.6 degrees +/- 3.8 degrees, C4-C5: 19.4 degrees +/- 3.4 degrees, C5-C6: 21.0 degrees +/- 3.8 degrees). The C3-C4 and C4-C5 levels had high sensitivity (>80%) and specificity (>70%), whereas C5-C6 showed high sensitivity (100%) but low specificity (41%).
CONCLUSIONS: The posterior-anterior cervical gliding test was as good as dynamic radiographic assessment for the diagnosis of intervertebral hypomobility in the midcervical spine in this group of subjects.

Lascia un commento

Contribuisci a creare una discussione su questo argomento