Bianca Pazin – Fisioterapista, OMT

low back painABSTRACT
INTRODUZIONE
Il fear-avoidance model (FAM) di dolore muscolo scheletrico suggerisce che elevati livelli di dolore-correlato alla paura è un precursore di LBP cronico. I Fear-Avoidance Beliefs (FAB) rappresentano una risposta emotiva disadattiva a una eccessiva paura del dolore che può eventualmente portare a comportamenti di evitamento. La necessità di considerare i fattori psicosociali per identificare i pazienti a rischio di disabilità cronica è stata ben documentata. I FAB vengono utilizzati nelle clinical prediction rule (CPR) e possono essere utilizzati per orientare il processo decisionale verso un approccio terapeutico di tipo biopsicosocile.
Recenti studi prospettici supportano la validità predittiva del FAM e inoltre, l’efficacia di questo modello come strategia di trattamento è stata segnalata in letteratura, includendo Graded Exercise (Esercizio Graduale) e Graded Exposure (Esposizione Graduale). Graded exercise e graded esposure vengono sempre più utilizzati nella gestione del LBP cronico. Tuttavia ad oggi la loro efficacia rimane poco chiara.

OBIETTIVO
Lo scopo della presente revisione è quello di indagare lo stato dell’arte sull’esercizio graduale ed esposizione graduale come proposta di intervento terapeutico nella gestione dei pazienti con LBP cronico e Fear-Avoidance Beliefs.

MATERIALI E METODI
La ricerca è stata effettuata attraverso il data base PUBMED (Medline) e PEDro utilizzando come limiti gli articoli pubblicati negli ultimi 10 anni e in lingua inglese, utilizzando le parole chiave “low back pain”, “fear avoidance beliefs”, “graded activity”, “graded exercise”, “graded exposure”, “rehabilitation” combinandole tra loro attraverso degli operatori booleani.

RISULTATI
La ricerca ha portato alla selezione di 3 articoli, di cui una Revisione Sistematica e due RCTs. Dall’analisi degli studi si evince che allo stato attuale non ci sono evidenze indicando maggiore efficacia degli interventi graded activity/exercise e graded exposure come strategie di trattamento superiore alle altre per i pazienti con LBP cronico e FAB. Dalla RS emerge appena quattro delle variabili di effetti combinati considerate statisticamente significative. I risultati sono stati favorevoli per graded activity per dolore e disabilità a breve e medio termini di follow-up. In un RCT incluso nella revisione i risultati principali hanno mostrato riduzione del dolore e disabilità a breve termini a favore del graded exercise che se ne sono mantenute a lungo termini solo per disabilità. Nell’altro RCT incluso, emergono interazioni statisticamente significative per disabilità, FABQ-PA e FABQ-W nel gruppo graded activity.

CONCLUSIONI
Ad oggi non è stata dimostrata la maggior efficacia di graded activity/exercise e graded exposure rispetto ad altri interventi nella gestione dei pazienti con LBP cronico e Fear- Avoidance Beliefs. In futuro, andrebbero quindi incoraggiati studi metodologicamente più accurati per avere una maggiore ricaduta sulla pratica clinica quotidiana, in modo da poter valutare l’efficacia degli interventi graded activity/exercise e graded exposure nella gestione dei pazienti con LBP cronico e Fear-Avoidance Beliefs.

[download id=”186404″]

 

Lascia un commento

Contribuisci a creare una discussione su questo argomento