Giulio Pennacchiotti – Fisioterapista

 

1
 

La manipolazione vertebrale (SMT) è definita generalmente come un thrust dinamico ad alta velocità e piccola ampiezza applicato ad una specifica zona della colonna. Nuovi concetti sugli effetti della manipolazione vertebrale sono basati sulle premesse che determinati parametri biomeccanici possono giocare un ruolo cruciale nella natura e nell’ampiezza delle risposte fisiologiche. La SMT è caratterizzata da specifici parametri cinetici e cinematici che possono variare a seconda dell’esperienza del clinico e dalla regione corporea in cui la SMT viene applicata. Questi sono i motivi principali per cui la durata dell’impulso di una SMT è estremamente variabile (30-250 ms).
L’obiettivo di questo studio è stato analizzare il rapporto dose-risposta fisiologica a seconda della durata dell’impulso di una SMT.
Sono stati reclutati 20 soggetti (10 uomini e 10 donne) sani tra i 20 e i 35 anni; i partecipanti sono stati sottoposti ad uno screening per assicurarsi che una qualsiasi SMT non risultasse controindicata. Per misurare le risposte neuromuscolari sono stati applicati degli elettrodi in prossimità dei muscoli paraspinali a livello dei segmenti da T6 a T8, mentre i dati sulla cinematica sono stati raccolti utilizzando dei diodi luminosi posizionati sui processi spinosi di T7-T8.
Ogni partecipante è stato poi posizionato prono su un lettino chiropratico ed è stato sottoposto, tramite un attuatore servo-controllato, a manipolazioni di 125ms, 175ms, 225ms e 275 ms. I thrust sono stati eseguiti tutti con il medesimo picco di forza (255 N).
I risultati dello studio hanno evidenziato che il picco di attività elettromiografica nei muscoli paraspinali è maggiore quanto più è breve l’impulso manipolativo, mentre lo spostamento in senso sagittale delle vertebre prese in esame risulta maggiore nelle manipolazioni con impulso più lungo.
Nonostante molti professionisti tendano ad associare l’alta velocità d’impulso del thrust con un’alta abilità manipolativa, resta da stabilire se gli effetti neurofisiologici riscontrati nel presente studio siano di particolare importanza se rapportati ad un campione di soggetti con disturbi dolorosi.
 

Pagé I, Nougarou F, Dugas C, Descarreaux M. The effect of spinal manipulation impulse duration on spine neuromechanical responses. J Can Chiropr Assoc. 2014 Jun;58(2):141-8.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24932018

 

Lascia un commento

Contribuisci a creare una discussione su questo argomento