Giulio Pennacchiotti – Fisioterapista

 

1

 

Uno stile di vita sedentario e le abitudini lavorative che costringono le persone a mantenere una postura seduta per un lungo periodo di tempo possono alterare la funzionalità biomeccanica di collo e spalle. Posture disfunzionali come la forward head posture sono in grado alterare la cinematica e l’attivazione muscolare della regione scapolare, incrementando lo stress a carico delle articolazioni della spalla. Per migliorare la stabilità e la funzionalità della spalla, il corretto allineamento delle articolazioni ad essa correlate è di fondamentale importanza, come lo è la ricerca di una stabilità cervicale tramite i muscoli flessori profondi che aiuti a mantenere una corretta postura durante l’utilizzo degli arti superiori.
Numerosi autori hanno evidenziato come i muscoli rotatori, il dentato anteriore e il trapezio siano importanti nel mantenimento del ritmo scapolo-omerale, ma essendo la spalla interconnessa ad unità biomeccaniche come testa e collo tramite i tessuti molli, si dovrebbe ricercare un corretto allineamento di tutte queste strutture per garantirne il normale funzionamento.
L’obiettivo di questo studio è stato quello di analizzare gli effetti degli esercizi di stabilizzazione cervicale sulla funzione dei muscoli stabilizzatori della spalla. Sono stati reclutati 20 soggetti asintomatici divisi in un gruppo sperimentale e uno di controllo. Nel gruppo sperimentale, oltre ad esercizi di stabilizzazione a carico della spalla, sono stati eseguiti esercizi di stabilizzazione cervicale (esercizi di flessione craniocervicale), con l’ausilio di un biofeedback (PBUs; stabilizer, Chattanooga Group Inc, Hixson, TN, USA) con una cadenza di 3 volte a settimana per 4 settimane.
I risultati ottenuti dimostrano come un lavoro sui muscoli stabilizzatori cervicali influenzi positivamente l’attività elettromiografica del trapezio superiore, del trapezio inferiore e del dentato anteriore rispetto al gruppo di controllo, nel quale questo tipo di esercizi non è stato proposto. Gli autori, in accordo con i risultati di precedenti studi (Falla et al. 2005, Lee et al. 2012, Jung 2012) sull’utilizzo degli esercizi di stabilizzazione cervicale nel trattamento di diverse disfunzioni e sindromi dolorose, sostengono la validità dei suddetti nel recupero di un corretto allineamento craniocervicale, migliorando così la funzionalità del cingolo scapolare.
 

Lee S, Park J, Lee D. The effects of cervical stabilization exercises on the electromyographic activity of shoulder stabilizers. J Phys Ther Sci. 2013 Dec;25(12):1557-60. doi: 10.1589/jpts.25.1557. Epub 2014 Jan 8. PubMed PMID: 24409019; PubMed Central PMCID: PMC3885838.
Free PMC Article: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3885838/

 

Lascia un commento

Contribuisci a creare una discussione su questo argomento