Epicondilalgia laterale di gomito – Parte 1

Marco Briganti – Fisioterapista, MSc
Emanuele Tortoli – Fisioterapista, MSc, SPT

 

 
La Lateral Elbow Tendinopathy (LET), meglio conosciuta come «gomito del tennista», descritta per la prima volta da Runge nel 1873 (1), è una delle sindromi da «overuse» di più facile riscontro. Contrariamente a quello che si potrebbe pensare, si rileva più frequentemente nel tennista «amatoriale» che non nel professionista.(2)
Il quadro clinico è di facile descrizione e identificazione, ma di difficile spiegazione eziologica. Esordio subdolo, spesso asintomatico, ma con evidenti limitazioni funzionali associate a positività ai test clinici provocativi.(3)
Caratterizzata da debolezza e dolore alla palpazione sull’epicondilo spesso irradiato distalmente all’avambraccio e associato a dolorabilità alla dorsiflessione resistita di polso, dito medio o di entrambi. Il sintomo è aggravato dalla prensione.(4)
Generalmente il muscolo coinvolto è l’estensore radiale breve del carpo, ma in certi casi sembrano interessati i pronatori dell’avambraccio.(5,6). La prevalenza nella popolazione è pari all’1-3% con picco d’incidenza su 40-50 anni.(7-10)
La media della durata di un episodio tipico è compresa in un lasso di tempo che va da 6 a 24 mesi, ma la durata del sintomo non sembra essere legata alla sua gravità.(11) L’89% dei pazienti recupera entro un anno.(12)
I principali fattori di rischio riconosciuti sono la movimentazione di carichi >20kg almeno 10 volte/giorno, i movimenti ripetitivi >2h/giorno.(13,14) A questi vanno poi aggiunti alcuni fattori di minor impatto, ma non trascurabili quali: soggetti con problemi di cuffia dei rotatori(15); tennis; età compresa tra 45-54 anni; importante utilizzo di steroidi per via orale; presenza di altre tendinopatie; contrazioni eccentriche ripetute; razza bianca; tabagisti.
Coombes, Bisset e Vicenzino nel 2009 hanno pensato a un modello che da una parte spiegasse la complessità eziologica della LET e dall’altra individuasse sottogruppi identificabili sia sul piano della modalità terapeutica che su quello degli outcome. Ecco allora che la LET s’identifica come malattia multifattoriale nella quale pesano almeno tre differenti elementi patognomici: condizione clinica del tendine comune degli estensori di carpo e dito medio, sensibilizzazione del sistema nervoso (ancor più del “sistema dolore”) e presenza di eventuali impairment motori.
I tendini rispondono a forze statiche e dinamiche che ne possono alterare: struttura, composizione e proprietà meccaniche, un processo definito come meccanotrasduzione. Overuse(16), «Under-use»/«stress-shielding»(17-21), insufficiente vascolarizzazione tendinea (22,23), lesioni da ipertermia (24) e modifiche da alterata espressione genica sono all’origine di cambiamenti strutturali tipici di tutte le tendinopatie.
A fondamento di questa teoria esistono numerosi studi che mettono in evidenza cambiamenti di tipo istologico in tendini non sempre sintomatici e che si riassumono nel “modello di progressione delle tendinopatie”.(25) Sono descritte tre potenziali fasi di risposta al carico: 1) reattiva, 2) guarigione incompleta e 3) degenerativa. Ciascuno di questi momenti richiede un diverso approccio clinico riabilitativo. Consideriamo un tendine ormai degenerato, spesso caratterizzato da iperplasia angioplastica (26,27), i cambiamenti strutturali non potranno più essere modificati, ma solo “gestiti efficacemente” attraverso un programma riabilitativo che passa anche e soprattutto attraverso l’esercizio terapeutico.
Il secondo aspetto considerato da Coombes, Bisset e Vicenzino è il “pain system changes”, termine utilizzato per definire un complesso fenomeno di cambiamenti del sistema nervoso che da solo può contribuire alla patofisiologia di questa e di altre condizioni.(28) Deficit sensitivi e motori sono stati riscontrati bilateralmente in molte tendinopatie monolaterali le cui manifestazioni più tipiche sono: iperalgesia e iperalgesia secondaria.(29)
Gli stati cronici dolorosi muscoloscheletrici come le LET possono essere espressione di: cambiamenti periferici e centrali del SN che coinvolgono sia processi nocicettivi che non nocicettivi così come tessuti neurali che non neurali; alterazione dell’attivazione e della funzionalità dei recettori periferici che rimane anche in assenza di input esterni; presenza di elementi neurochimici algogeni (es, glutammato) attorno all’ECRB responsabili a loro volta di: aumento della reattività, dell’eccitabilità e della dimensione del campo recettoriale di alcuni neuroni.(30-33) Tutto quanto ascrivibile in un meccanismo ancora più articolato meglio conosciuto come sensibilizzazione centrale.
Interessante notare come a supporto dei teorici del cambiamento del “sistema dolore” vi siano studi che sono andati a indagare la risposta a stimoli di tipo pressorio e termico su arti sani comparandola non solo ai controlaterali negli stessi soggetti ma anche con quella degli omologhi in soggetti sani.(34) Gli arti «sani» di pazienti affetti da LET comparati agli omologhi dei “controlli” mostrano: riduzione significativa nella PPT (Pressure Pain Thersholds), riduzione significativa nella TPT (termal Pain Thersholds), riduzione della velocità di movimento, aumento del tempo di reazione a stimoli semplici, aumento dei tempi di reazione nella scelta di un movimento.
I pazienti che presentano dolore e disabilità di grave entità si distinguono per ipersensibilità a stimolazione termica e in particolare per l’iperalgesia da freddo bilaterale. Gli studi portano a pensare al coinvolgimento si tutti gli apparati del sistema nervoso: centrale, periferico, ma anche simpatico. Ciò può contribuire a spiegare i peggiori outcome di questo sottogruppo.(35)
Accanto ai risultati ottenuti nella descrizione dei deficit del sistema dolore si evidenziano alcuni cambiamenti del sistema neuro-motorio bilateralmente(36,37) come ad esempio: Deficits of gripping capacity (Pain-free grip force) ridotta all’arto superiore affetto da LET in media del 43-64% se comparata con il controlaterale(38,39); Specific muscle strength deficits Flexor; Deficit di forza nei flessori e negli estensori di polso e mano nei gruppi di soggetti con LET comparata con controlli sani(40,41) ad eccezione dell’estensione dell’articolazione metacarpofalangea. A questo vanno poi aggiunti i cosi detti “morphological changes of muscle”, le fibre muscolari veloci possono apparire: «tarmate», necrotiche, con segni di rigenerazione e con elevate percentuali di ossidazione.(42) Questi cambiamenti sono in linea con i deficit di forza individuati e probabilmente contribuiscono al continuo deterioramento del sistema motorio.
 
Bibliografia
1. Runge F. Zur Genese und Behandlung des schreibe. Bed Klin Worchenschr 1873; 10:245-248
2. Nirschl RP. The epidemiology and health care burden of tennis elbow: a population-based study. Ann Transl Med. 2015 Jun;3(10):133. doi: 10.3978/j.issn.2305-5839.2015.05.05.
3. Fredberg U, Stengaard-Pedersen K. Chronic tendinopathy tissue pathology, pain mechanisms, and etiology with a special focus on inflammation. Scand J Med Sci Sports 2008;18:3–15
4. Stratford PW, Levy DR. Assessing Valid Change over Time in Patients with Lateral Epicondylitis at the Elbow. Clin J Sports Med 1994;4:88–91.
5. Walz DM, Newman JS, Konin GP, Ross G. – Epicondylitis: pathogenesis, imaging, and treatment. Radiographics. 2010 Jan;30(1):167-84. doi: 10.1148/rg.301095078.
6. Ahmad, Z. Siddiqui, N. Malik, S. S. Abdus-Samee, M. Tytherleigh-Strong, G. Rushton, N. Lateral epicondylitis: A review of pathology and management – Bone and Joint Journal – 10.1302/0301-620X.95B9
7. Walker-Bone K, Palmer KT, Reading I, et al. Prevalence and impact of musculoskeletal disorders of the upper limb in the general population. Arthritis Rheum 2004;51:642–51
8. Shiri R, Viikari-Juntura E, Varonen H, et al. Prevalence and determinants of lateral and medial epicondylitis: a population study. Am J Epidemiol 2006;164:1065–74.
9. Walker-Bone K, Palmer KT, Reading I, Coggon D, Cooper C. Walker-Bone K, Palmer KT, Reading I, Coggon D, Cooper C. Rheumatology (Oxford). 2012 Feb;51(2):305-10. doi: 10.1093/rheumatology/ker228.
10. Pitzer ME, Seidenberg PH, Bader DA. Elbow tendinopathy. Med Clin North Am. 2014 Jul;98(4):833-49, xiii. doi: 10.1016/j.mcna.2014.04.002.
11. B K Coombes, L Bisset, B Vicenzino A new integrative model of lateral epicondylalgia – Br J Sports Med 2009;43:252–258. doi:10.1136/bjsm.2008.052738
12. Smidt N, Lewis M, Van Der Windt DA, et al. Lateral epicondylitis in general practice: course and prognostic indicators of outcome. JRheumatol 2006;33:2053–9.
13. Van Rijn RM, Huisstede BM, Koes BW, Burdorf A. Associations between work-related factors and specific disorders at the elbow: a systematic literature review. Rheumatology (Oxford). 2009 May;48(5):528-36. doi: 10.1093/rheumatology/kep013. Epub 2009 Feb 17
14. Herquelot, Eleonore Guéguen, Alice Roquelaure, Yves Bodin, Julie Sérazin, Celine Ha, Catherine Leclerc, Annette Goldberg, Marcel Zins, Marie Descatha, Alexis Work-related risk factors for incidence of lateral epicondylitis in a large working population – Scandinavian Journal of Work, Environment and Health – 10.5271/sjweh.3380
15. Titchener AG, Fakis A, Tambe AA, Smith C, Hubbard RB, Clark DI. J Hand Surg Eur Vol. 2013 Feb;38(2):159-64. doi: 10.1177/1753193412442464. Risk factors in lateral epicondylitis (tennis elbow): a case-control study. PMID: 22490998
16. Milz S, Tischer T, Buettner A, et al. Molecular composition and pathology of entheses on the medial and lateral epicondyles of the humerus: a structural basis for epicondylitis. Ann Rheum Dis 2004;63:1015–21.
17. Ahmad, Z. Siddiqui, N. Malik, S. S. Abdus-Samee, M. Tytherleigh-Strong, G. Rushton, N. Lateral epicondylitis: A review of pathology and management – Bone and Joint Journal – 10.1302/0301-620X.95B9
18. B K Coombes, L Bisset, B Vicenzino A new integrative model of lateral epicondylalgia – Br J Sports Med 2009;43:252–258. doi:10.1136/bjsm.2008.052738
19. Cook, J L, Purdam, C RIs tendon pathology a continuum? A pathology model to explain the clinical presentation of load-induced tendinopathy. 10.1136/bjsm.2008.051193
20. Lyman J, Weinhold PS, Almekinders LC. Strain behavior of the distal achilles tendon: implications for insertional achilles tendinopathy. Am J Sports Med. 2004 Mar;32(2):457-61.
21. Almekinders LC, Vellema JH, Weinhold PS. Strain patterns in the patellar tendon and the implications for patellar tendinopathy. Knee Surg Sports Traumatol Arthrosc 2002;10:2–5.
22. Bales, Chris P. Placzek, Jeffrey D. Malone, Kevin J. Vaupel, Zachary Arnoczky, Steven P. Microvascular supply of the lateral epicondyle and common extensor origin 10.1016/j.jse.2006.08.006
23. Ahmad, Z. Siddiqui, N. Malik, S. S. Abdus-Samee, M. Tytherleigh-Strong, G. Rushton, N. Lateral epicondylitis: A review of pathology and management – Bone and Joint Journal – 10.1302/0301-620X.95B9
24. Vedi sopra
25. Joseph MF, Denegar CR. Treating tendinopathy: perspective on anti-inflammatory intervention and therapeutic exercise. Clin Sports Med. 2015 Apr;34(2):363-74. doi: 10.1016/j.csm.2014.12.006. Review. PMID: 25818719
26. Pitzer ME, Seidenberg PH, Bader DA. Elbow tendinopathy. Med Clin North Am. 2014 Jul;98(4):833-49, xiii. doi: 10.1016/j.mcna.2014.04.002. Erratum in: Med Clin North Am. 2015 Jan;99(1):xix. PMID: 24994055
27. Maffulli N, Wong J, Almekinders LC. Types and epidemiology of tendinopathy. Clin Sports Med. 2003 Oct;22(4):675-92. Review. PMID: 14560540
28. Ljung BO, Alfredson H, Forsgren S. Neurokinin 1-receptors and sensory neuropeptides in tendon insertions at the medial and lateral epicondyles of the humerus. Studies on tennis elbow and medial epicondylalgia. J Orthop Res 2004;22:321–7.
29. Heales, L J Lim, E C W Hodges, P W Vicenzino, B Sensory and motor deficits exist on the non-injured side of patients with unilateral tendon pain and disability–implications for central nervous systemHeales, L. J., Lim, E. C. W., Hodges, P. W., & Vicenzino, B. (2013). 10.1136/bjsports-2013-092535
30. Bisset L, Beller E, Jull G, et al. Mobilisation with movement and exercise, corticosteroid injection, or wait and see for tennis elbow: randomised trial. BMJ 2006;333:939
31. Nijs J, Kosek E, Van Oosterwijck J, Meeus M. Dysfunctional endogenous analgesia during exercise in patients with chronic pain: to exercise or not to exercise? Pain Physician. 2012;15:ES205–ES213
32. B K Coombes, L Bisset, B Vicenzino A new integrative model of lateral epicondylalgia – Br J Sports Med 2009;43:252–258. doi:10.1136/bjsm.2008.052738
33. Coombes, Brooke K. Bisset, Leanne Vicenzino, Bill – Management of Lateral Elbow Tendinopathy: One Size Does Not Fit All – Journal of Orthopaedic & Sports Physical Therapy 10.2519/jospt.2015.5841
34. Heales, L J Lim, E C W Hodges, P W Vicenzino, B Sensory and motor deficits exist on the non-injured side of patients with unilateral tendon pain and disability–implications for central nervous systemHeales, L. J., Lim, E. C. W., Hodges, P. W., & Vicenzino, B. (2013). 10.1136/bjsports-2013-092535
35. Coombes, Brooke K Phty, B Phty, M Bisset, Leanne Vicenzino, Bill Thermal Hyperalgesia Distinguishes Those With Severe Pain and Disability in Unilateral Lateral Epicondylalgia Clin J Pain ? Volume 28, Number 7, September 2012
36. Bisset LM, Russell T, Bradley S, et al. Bilateral sensorimotor abnormalities in unilateral lateral epicondylalgia. Arch Phys Med Rehabil. 2006;87:490–495.
37. Pienimaki TT, Tarvainen TK, Siira PT, Vanharanta H. Progressive strengthening and stretching exercises and ultrasound for chronic lateral epicondylitis. Physiother. 1996;82:522–530.
38. Paungmali A, O’Leary S, Souvlis T, Vicenzino B. Hypoalgesic and sympathoexci- tatory effects of mobilization with movement for lateral epicondylalgia. Phys Ther. 2003;83:374–383.
39. Vicenzino B, Paungmali A, Buratowski S, Wright A. Specific manipulative therapy treatment for chronic lateral epicondylalgia produces uniquely characteristic hypoalgesia. Man Ther. 2001;6:205–212.
40. Slater H, Arendt-Nielsen L, Wright A, et al. Sensory and motor effects of experimental muscle pain in patients with lateral epicondylalgia and controls with delayed onset muscle soreness. Pain 2005;114:118–30.
41. Alizadehkhaiyat O, Fisher AC, Kemp GJ, et al. Pain, functional disability, and psychologic status in tennis elbow. Clin J Pain 2007;23:482–9.
42. Ljung BO, Forsgren S, Friden J. Substance P and calcitonin gene-related peptide expression at the extensor carpi radialis brevis muscle origin: implications for the etiology of tennis elbow. J Orthop Res 1999;17:554–9.