Il muscolo trasverso dell’addome e il multifido lombare: dalla ricerca all’applicabilità clinica

Vyshka Vita, Fisioterapista
Laurea Magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie della Riabilitazione
Master Universitario in Riabilitazione dei Disordini Muscoloscheletrici

L’esercizio terapeutico per gli individui con low back pain (LBP) si è evoluto nel tempo. Recentemente, ci si è focalizzati sugli esercizi che mirano a recuperare la stabilità della colonna lombare. Questo tipo di approccio basato sull’esercizio è stato chiamato stabilizzazione lombare, core stabilization o stabilizzazione segmentale. Considerando l’evidenza secondo cui il trasverso dell’addome e il multifido svolgerebbero un importante ruolo nella stabilizzazione della colonna lombare, un ritardo di attivazione di tali muscoli comporterebbe un livello di stiffness insufficiente ad equilibrare le forze di reazione articolare del tratto lombare, indipendentemente dalla forza massima sviluppabile o dalla resistenza dei muscoli.

Oggetto: Scopo di questo lavoro di revisione è indagare, attraverso l’analisi della letteratura internazionale presente sull’argomento, quali sono le strategie più idonee per favorire l’apprendimento del reclutamento e successiva implementazione nelle attività di vita quotidiana di multifido e trasverso dell’addome e individuare il collegamento con l’applicabilità clinica di questi due muscoli in un processo di riabilitazione personalizzato sul paziente.

Metodi: è stata condotta una ricerca attraverso 2 diversi motori di ricerca (PubMed, PeDro) utilizzando diverse key words: Lumbopelvic disorders, Transversus abdominis, Lumbar multifidus sia come termini liberi che in associazione ad altri termini (Rehabilitation, Low Back Pain, Stabilization, Motor control). Per restringere la ricerca sono stati posti alcuni limiti: cut off temporale di 10 anni e articoli in inglese.

Risultati e Conclusioni: Dei 70 articoli trovati sulle banche dati sono stati selezionati 6 articoli utili per condurre la revisione ed esclusi 64 articoli in base ai criteri di esclusione definiti in precedenza. Gli studi inclusi sono 4 RCT e 2 Review. La stabilizzazione segmentale e gli esercizi di rinforzo sono in grado di ridurre il dolore e la disabilità funzionale in individui con CLBP e il lavoro di stabilizzazione segmentale permette, di migliorare la capacità di attivazione del TrA. L’associazione tra il training motorio e i cambiamenti nella coordinazione motoria posturale risulta essere il razionale alla base dell’efficacia degli interventi per la gestione del dolore, della disabilità e ricorrenza dei sintomi. L’inserimento nel progetto riabilitativo di esercizi di estensione lombare dopo intervento chirurgico di discectomia favorisce il ritorno al lavoro in tempi più rapidi e migliora la funzionalità della colonna vertebrale con effetti positivi anche nella riduzione del dolore. Lo sling-based therapy può essere usata nell’allenare il sistema neuromuscolare dei stabilizzatori profondi della colonna lombare nei soggetti con LBP. Studi futuri sono necessari per specificare precisi programmi di “core strengthening” i loro effetti sul trattamento e prevenzione del LBP.

Download Tesi Vita